Perché, dopo aver acquistato un'orchidea, è necessario trapiantarla immediatamente?

Nei social network, spesso mi fanno la domanda: "Devo trapiantare le orchidee subito dopo l'acquisto?" Ho sempre una risposta. Lo imparerai di seguito. Per motivi di interesse, ho vagato per Internet e ho letto ciò che gli altri raccomandano. A volte mi chiedo quali suggerimenti ottengano i principianti nel campo della coltivazione di orchidee domestiche, in particolare la Phalaenopsis. Sono sicuro che la maggior parte di loro dopo un paio di mesi osserva ingiallimento delle foglie e perdita di turgore.

Devo trapiantare le orchidee Phalaenopsis immediatamente dopo l'acquisto?

La mia risposta è si! Sicuro! Dirò e mostrerò a cosa serve..

Il fatto è che molti orchovod per principianti non sospettano nemmeno che all'interno del vaso con un'orchidea, al suo centro ci possa essere un "cestino di torba" o "tappo di muschio", in cui originariamente venivano piantate giovani piante. Inoltre, molti di loro non riescono a distinguere visivamente la corteccia di pino dai trucioli di cocco che consumano umidità. È la presenza di torba, muschio e patatine che consente alle orchidee preferite di percorrere lunghe distanze senza danni alla salute: da una piantagione straniera, attraverso magazzini e negozi a casa nostra.

Insieme a un cestino, le giovani orchidee vengono piantate in una grande pentola, avvolgendo i bordi con corteccia o patatine.


Cosa c'è di sbagliato in un tale riempimento all'interno del piatto?

In linea di principio, non c'è nulla di cui preoccuparsi. Inoltre, i coltivatori di orchidee inesperti, ignari della presenza di muschio, torba o scaglie di cocco nel mezzo della pentola, annaffiano le orchidee come al solito, a giudicare dall'essiccazione solo da radici esterne. E le radici all'interno del vaso, situate nel "ripieno", non hanno il tempo di asciugarsi. 1-2 mesi dopo l'acquisto e tale irrigazione, inizia la putrefazione delle radici nelle profondità del vaso, quindi l'infezione passa al collo, la pianta diventa gialla, i post appaiono chiedendo aiuto nella rianimazione dell'orchidea. E io aiuto.


risultati

Ho sempre consigliato e consiglierò subito il reimpianto di orchidee dopo l'acquisto.

In primo luogo, in questo modo puoi vedere se c'è un sughero di muschio o torba, rimuoverlo in tempo e prevenire la decomposizione.

In secondo luogo, cambia immediatamente le scaglie di cocco che consumano umidità sulla corteccia. Per capire che hai i gettoni, fai clic leggermente su un pezzo. Se è facilmente compresso e elastico, così come le fibre che sporgono sotto forma di peli, allora questi sono chip.

In terzo luogo, rimuovere eventuali radici secche e marce.

Ho sempre trapiantato tutta la mia orchidea dopo l'acquisto. E quasi ogni volta che ho incontrato sorprese che vedrai nella foto qui sotto. Come trapiantare un'orchidea, leggi l'articolo "Trapianto di Phalaenopsis: istruzioni passo dopo passo".

E ora una foto di vari "ripieni".

La prima foto con un "muschio di sughero". Sarò un novizio. Mi è capitato di rovinare un'orchidea, che non ho trapiantato dopo l'acquisto, non ho trovato muschio, ha marcito le sue radici.

Foto seconda con un cestino di torba. Un esempio simile è venuto da me ieri. Ho rimosso il ripieno durante il trapianto, ho dovuto lavorare sodo per non danneggiare le radici all'interno del cestino.

Foto tre: l'orchidea cresceva in scaglie di cocco, che venivano scambiate per corteccia, annaffiate secondo un programma e spesso versate.

Come trapiantare un'orchidea a casa in un'altra pentola

Ogni fiorista dovrebbe essere in grado di piantare correttamente le piante d'appartamento. Il trapianto di orchidea differisce notevolmente dal trasbordo in un altro substrato di altre piante. Quanto è facile e sicuro per una pianta trapiantare una bellezza tropicale, come scegliere un substrato e il momento migliore per lavorare, questo è descritto nell'articolo.

Come determinare che è tempo di trapiantare un'orchidea

Contrariamente alla credenza popolare secondo cui le orchidee sono creature delicate e richiedono cure laboriose complesse, queste piante sono piuttosto senza pretese. È sufficiente per loro creare le giuste condizioni per l'esistenza e svolgere cure minime. I trapianti frequenti non necessitano di fiori.

Importante! Non è necessario affrettarsi a trapiantare un'orchidea immediatamente dopo l'acquisto. Questa cultura, a differenza dei fiori ordinari, non è mantenuta nel terreno di trasporto. Il substrato del negozio è pieno per orchidee.

Le orchidee vengono trapiantate una volta ogni diversi anni. Segnali esterni che indicano che la pianta ha bisogno di un cambiamento di terreno e vaso prima del previsto:

  • la corteccia nella composizione del substrato si è trasformata in polvere, il terreno si è compattato (la materia organica marcia diventa assorbente di umidità e trasmette male l'ossigeno);
  • il sistema dell'orchidea del morbillo è influenzato dal marciume (le radici sane sono di colore biancastro, elastico);
  • i parassiti sono avvolti nel substrato;
  • le radici non hanno abbastanza spazio nel contenitore, si sporgono.

Lo stato depresso della pianta stessa, l'ingiallimento delle foglie e le gemme che cadono segnalano cure o malattie improprie, la comparsa di insetti dannosi. A volte, per determinare la causa della cattiva condizione del fiore, è necessario un esame dettagliato del sistema radicale (trapianto).

Quando iniziare un trapianto di orchidea

A seconda della varietà di orchidee, un trapianto di fiori viene eseguito in momenti diversi. Non sono legati a un periodo specifico dell'anno..

Per tutte le varietà di orchidee, il tempo è considerato favorevole, subito dopo la fioritura. Durante questo periodo, ha luogo la crescita attiva delle foglie giovani, le radici crescono. La pianta si adatta facilmente a un nuovo substrato.

Importante! L'orchidea trasferisce il trapianto più facilmente, 12-15 giorni dopo che l'ultima gemma si è asciugata.

Come trapiantare un'orchidea in un'altra pentola: istruzioni dettagliate

Quando pianifichi di iniziare a trapiantare orchidee, devi ricordare che questa è una pianta delicata e fragile. Le sue radici sono sensibili ai danni e il substrato è costituito da particelle di corteccia, carbone, ciottoli, polistirolo. Per lavoro, è importante preparare il posto di lavoro e alcuni strumenti:

  • ampio tavolo e lampada da tavolo comodi;
  • vasi di volume e forma adeguati;
  • componenti per il substrato o il terreno finito;
  • potatore affilato con lame strette o forbici;
  • polvere di carbone per spolverare sezioni sulle radici;
  • permanganato di potassio, fitosporina;
  • una ciotola per immergere le piante;
  • sottili bastoncini di legno o pinzette per distribuire pezzi di substrato;
  • bastoncini e "granchi" per legare peduncoli.

Selezione della capacità

In natura, le orchidee tropicali (sono popolari nella floricoltura indoor) sono epifite. Crescono, fissati su altre piante e le loro radici non sono immerse nel terreno. La pianta si nutre attraverso la fotosintesi, che viene effettuata non solo attraverso le foglie, ma anche attraverso le radici..

A rigor di termini, un'orchidea non ha affatto bisogno di una pentola. Il fiore può essere coltivato su un grosso pezzo di corteccia o un mucchio di muschio di sfagno collocato in un acquario (per creare alta umidità). La coltivazione di orchidee in vaso viene praticata a causa della facilità di cura delle piante.

Un vaso per orchidee in crescita, è necessario scegliere un trasparente o traslucido. Il materiale più comune è la plastica o il vetro..

Obbligatorio è la presenza di un gran numero di fori di drenaggio nella parte inferiore e nella parte inferiore delle pareti laterali. Le radici di orchidea sono estremamente sensibili ai ristagni d'acqua. Nei negozi di giardini, ora puoi trovare contenitori per orchidee sotto forma di una "recinzione" trasparente, che viene posizionata su un pallet. In una tale "gabbia" le radici del fiore sono il più confortevoli possibile.

La dimensione del contenitore dovrebbe essere leggermente più grande della bobina di radice. È sufficiente che la distanza tra le radici e le pareti della pentola sia di 1 cm: una pentola grande e, di conseguenza, un grande volume di substrato porta all'accumulo di umidità in eccesso e al rischio di decomposizione.

Su una nota. Un leggero rigonfiamento delle radici dell'orchidea “attraverso la parte superiore” del vaso è normale.

Substrato adatto

Orchid è un requisito semplice per il substrato: deve essere allentato, lasciare entrare aria e luce. Di solito utilizzare tritato, di dimensioni 10-25 mm, corteccia di pino. Puoi acquistarlo in un negozio o raccoglierlo da un albero caduto nella foresta. La corteccia raccolta nella foresta deve essere salvata dall'eccessiva resinosità congelando per strada e bollendo in acqua per circa mezz'ora.

Quando si prepara il terreno per le orchidee, vengono prese 3 parti di corteccia di pino:

  • 1 parte di carbone in pezzi (è necessario come assorbente);
  • 0,5 parti di muschio di sfagno;
  • 1 parte di argilla espansa (agente di ponderazione in modo che il vaso di fiori non si giri).

A volte, per aggiungere friabilità al substrato, aggiungere pezzi di schiuma, pomice.

Importante! Se il vecchio terreno in cui cresceva il fiore non trasporta agenti patogeni e parassiti, viene aggiunto al nuovo substrato sterile. Questo aiuta a popolare la nuova terra con microflora utile per le orchidee..

Esistono altre opzioni per substrati per orchidee.

Fibra di cocco.

Disponibile sotto forma di bricchette pressate, che vengono immerse in acqua prima dell'uso. Dopo l'essiccazione, la fibra di cocco viene utilizzata per piantare un fiore o aggiunta alla miscela di terreno.

La fibra di cocco ha una reazione neutra, elevata resistenza alla decomposizione.

Moss Sphagnum (live).

Mantiene perfettamente il contenuto di umidità desiderato del substrato e passa bene l'aria. Per mantenere la vita del muschio stesso, è importante annaffiare (spruzzare) solo con acqua purificata (distillata).

Argilla espansa, pomice, ciottoli.

Possono agire sia come drenaggio che come terreno a pieno titolo per orchidee. Le dimensioni delle particelle non devono superare 2,5 cm.

Per la pianta, non ha un significato globale quale composizione del substrato sceglierà il coltivatore. Di maggiore importanza per il successo dello sviluppo della piantina sono la temperatura, l'umidità (suolo e aria), la medicazione regolare regolare, l'illuminazione.

Preparare un fiore per un trapianto

Alla vigilia del trapianto, per 2-3 ore, metti la pentola con un'orchidea in una padella con acqua. Le radici idratate diventano elastiche e flessibili, meno fragili.

Il fiore viene rimosso con cura dal vaso. A volte, per rimuovere in sicurezza l'orchidea, devi tagliare il contenitore, perché le radici sono spuntate nei fori di drenaggio. Le radici vengono scosse dalle radici. Sciacquare delicatamente il grumo di radice in una soluzione rosa pallido di permanganato di potassio o Fitosporina. Puoi tenere la pianta in una soluzione disinfettante per 10-15 minuti (rilevante per le orchidee del negozio).

Ispeziona attentamente le radici per marciume e parassiti. I processi secchi, rotti, marroni vengono tagliati con cesoie o forbici. Fette cosparse di polvere di carbone.

Importante! Se si trovano parassiti nel substrato, l'orchidea viene bagnata in una soluzione insetticida.

Le piante preparate in questo modo vengono lasciate sul tavolo ad asciugare per 3-5 ore.

Piantare orchidee in un vaso

A causa della leggerezza del substrato e del grande, appeso sul lato del peduncolo di alcune orchidee, è necessario prendersi cura della stabilità del vaso. Sul fondo del serbatoio versare il drenaggio di ciottoli (anche se la pentola ha molti fori) o mettere un ciottolo grande.

L'orchidea viene posta in una pentola, diffondendo le radici o arrotolandole in un anello. Contemporaneamente al riempimento del vaso con terra, un supporto viene posizionato al centro del contenitore sotto il peduncolo futuro. Per evitare che sia strabico, è fissato saldamente nello strato di drenaggio.

Pezzi del substrato devono essere spinti con una pinzetta o una bacchetta tra le radici e distribuiti uniformemente all'interno del contenitore. Il collo della radice (se puoi chiamare la base del fiore) dovrebbe essere 1,5 cm sotto i bordi del contenitore. Se alcune radici sporgono un po 'dal vaso, va bene.

Ulteriore cura del fiore trapiantato

Non importa con quanta cura il fiorista abbia ripiantato l'orchidea, la pianta subirà ancora stress dal trapianto. Ha bisogno di tempo per riprendersi (se l'orchidea è stata potata, può fiorire solo dopo pochi mesi).

Importante! 3-5 giorni dopo il trapianto, l'orchidea non viene annaffiata e mantenuta con un minimo di illuminazione. Quindi la pianta tollera meglio lo stress.

Cominciano a nutrire l'acqua fertilizzante per l'irrigazione non prima di quando il primo germoglio è legato al peduncolo.

Modalità di temperatura

Il fiore ha bisogno della temperatura dell'aria durante il giorno +20 +25 gradi e di notte, non inferiore a +18. Non solo le basse temperature sono dannose per l'orchidea (a +12 il fiore può morire), ma anche i cali di temperatura di oltre 5 gradi.

Anche l'aria di tiraggio e di frittura proveniente dal radiatore è dannosa per l'orchidea. La pianta è posizionata in luoghi ben illuminati, ma senza luce solare diretta.

Watering

La prima abbondante annaffiatura delle orchidee viene effettuata immediatamente dopo il trapianto. Usando un soffione, il fiore viene irrigato dall'alto in modo che il substrato sia ben bagnato. Dopo l'eccesso di umidità nel bicchiere dalla pentola, l'orchidea viene rimossa in un luogo buio per diversi giorni. L'irrigazione in questi giorni non viene eseguita.

In futuro, lo sbiancamento delle radici serve come segnale che l'orchidea dovrebbe essere annaffiata. Dopo aver assorbito l'umidità, le radici dell'orchidea cambiano colore in verde chiaro.

Innaffia la pianta solo attraverso un vassoio, mettendo la pentola in acqua per 10-15 minuti. Trascorso questo tempo, la pentola viene rimossa e lasciata drenare il liquido in eccesso.

L'acqua per annaffiare l'orchidea dovrebbe essere calda (temperatura di circa 22 gradi) e morbida. È meglio usare liquido fuso o bollito. L'acqua del rubinetto deve essere mantenuta per almeno 2 giorni.

Per il pieno sviluppo dell'orchidea, è necessaria un'umidità dell'aria del 70-85%. Questa umidità può essere mantenuta spruzzando il fogliame del fiore. Alcuni giardinieri posizionano una pianta in un acquario o installano una fontana da tavolo o una cascata vicino ai fiori.

Importante! Dopo aver spruzzato le orchidee, devi bagnare l'umidità che si è accumulata al centro del fiore con un tovagliolo. I fluidi stagnanti possono causare marciume..

Domande e risposte

Gli amanti delle orchidee principianti hanno molte domande sulla cura di una bellezza tropicale. Di seguito vengono fornite le risposte alle domande più comuni..

Quante volte devi trapiantare un'orchidea

Se la pianta è sana, si sviluppa e fiorisce completamente, viene trapiantata non più di 1 volta in 2-3 anni. Durante questo periodo, il substrato, composto da sostanze organiche, decadrà e perderà la sua funzione. Se l'orchidea è contenuta nel terreno inorganico (argilla espansa, fibra sintetica, ciottoli), puoi trapiantare anche meno spesso.

Come trapiantare l'appendice

I principi generali per il trapianto di un'appendice o di un bambino di orchidea sono simili al trapianto di un campione adulto. È importante separare correttamente il bambino dalla pianta madre.

  1. Il processo è separato dall'orchidea adulta solo quando il bambino cresce le sue radici, lunghe 3-4 cm.
  2. Un bambino viene tagliato da un peduncolo, insieme a un pezzo del gambo dell'orchidea di una madre.
  3. Il processo viene immerso in una soluzione calda di Epin o Energen per 15 minuti.
  4. Le fette sul bambino e sullo stelo dell'orchidea sono cosparse di polvere di carbone.

Il germoglio viene piantato uno alla volta in una pentola con un substrato sterile.

Se è necessario separare le orchidee baby, senza attendere la formazione di quelle radici, il processo viene prima radicato nell'acqua, solo poi piantato. Per fare questo, un germoglio tagliato con la cattura del gambo madre viene posto sullo sfagno di muschio, che viene posto in una ciotola piena di argilla espansa. L'acqua viene versata nella ciotola. Una serra è installata sopra l'impianto per mantenere un'alta umidità.

Le giovani orchidee creano condizioni confortevoli per lo sviluppo:

  • luce diffusa diffusa per 13 ore;
  • umidità 87-93%;
  • temperatura a 28 gradi di calore.

Ci vogliono diversi mesi per far crescere le radici.

Quando posso trapiantare un'orchidea dopo l'acquisto?

Non è necessario trapiantare un'orchidea dopo l'acquisto se il fiore sembra sano e il substrato non è compattato. Se le condizioni della pianta richiedono la rianimazione e il substrato deve essere sostituito, l'orchidea viene trapiantata 8-12 giorni dopo l'acquisto. Durante questo periodo, il fiore si adatta a nuove condizioni e tollererà più facilmente lo stress..

È possibile trapiantare un'orchidea durante la fioritura

Il trapianto di piante al momento della fioritura crea un ulteriore onere per le radici. L'orchidea può perdere tutti i fiori e persino morire. Senza necessità estreme, le piante durante la fioritura non disturbano.

Il trapianto di un campione in fiore è possibile solo in caso di malattia o attacco di parassiti. I germogli, in questo caso, vengono rimossi dal peduncolo.

Come trapiantare un'orchidea in modo corretto e rapido - video

Il processo di trapianto di orchidee solo a prima vista sembra complicato e traumatico per le piante. Se segui rigorosamente tutti i punti delle istruzioni, il fiore riceverà un minimo di danno e inizierà a crescere in modo sicuro.

Come prendersi cura di un'orchidea a casa dopo l'acquisto

Ti è stata data una pianta esotica? Stai cercando come prenderti cura della tua orchidea dopo l'acquisto? In questo materiale troverai un massimo di consigli utili per prenderti cura di lei a casa..

La cosa principale da ricordare è che la pianta non tollera un cambiamento nel microclima. Le orchidee in fiore possono far cadere le gemme dopo essersi trasferite in un'altra stanza. Per non ferire il fiore, assicurati di mettere in quarantena.

La cura delle orchidee dopo l'acquisto dipende fortemente dalla varietà. Prima di capire la complessità della cura di un'orchidea acquistata, che cresce in una pentola, scopri il nome della varietà. Preferiti incondizionati di appartamenti e uffici - ibridi decorativi.

I tipi più popolari:

    Cattleya - si distingue per i grandi fiori di cera dai colori vivaci, gradevoli alla vista nella stagione calda.

Periodo di quarantena

Il periodo di quarantena dovrebbe durare 2 settimane. È necessario sia per un nuovo impianto che per i residenti permanenti della stanza. Durante questo periodo, malattie dei fiori o parassiti che si attivano dopo lo spostamento.

Durante la quarantena, il fiore NON viene annaffiato e NON viene nutrito con fertilizzanti: affronta lo stress dovuto alle risorse interne.

Devo trapiantare un'orchidea dopo l'acquisto

Un trapianto di orchidea dopo l'acquisto durante la fioritura NON È RACCOMANDATO.

Con l'inizio del periodo di riposo, spostalo in un vaso più spazioso (se necessario), dopo aver tagliato i gambi di fiori secchi.

A casa, ispeziona il fiore. Dovrebbe inserirsi completamente in un contenitore di plastica e avere un aspetto sano:

  • radici senza chiazze secche, marce o scure;
  • lascia senza danni.

In questo caso, NON È NECESSARIO un trapianto urgente.

Quando trapiantare un'orchidea dopo l'acquisto

Devo trapiantare un'orchidea dopo l'acquisto?

Esiste una regola d'oro per la phalaenopsis: una pianta è meglio lasciarla sola il più a lungo possibile. Questo vale per tutto: cambiamenti nell'illuminazione, nell'irrigazione, nella posizione e, in particolare, nei trapianti.

Attendere la fine del periodo di adattamento alle nuove condizioni di vita. Il momento giusto per il trapianto è facile da determinare dalle giovani cime verdi delle radici. Ciò significa che l'impianto si è adattato e si sta sviluppando con successo..

Paphiopedilum: il fiore è molto sensibile alle lesioni dell'apparato radicale. Dopo il trapianto, astenersi dall'innaffiare per circa 10 giorni.

Dendrobium: è consentito trapiantare immediatamente non appena lo porti dal negozio. Per fare ciò, è necessario un vaso di plastica trasparente con fori di drenaggio.

Scegli il piatto giusto. Deve essere permeabile alla luce solare..

La phalaenopsis non necessita di trapianti o cure speciali. Se, dopo aver acquistato un fiore, noti che non ci sono fori di drenaggio sul vaso di plastica, falli a casa con un'unghia calda. Eseguire la procedura con molta attenzione per preservare il sistema di root.

L'idea principale è quella di creare le condizioni più vicine a quelle naturali per una particolare specie..

Prenditi cura delle orchidee a casa dopo l'acquisto, inizia scegliendo un luogo ben illuminato.

Se si nota muffa bianca sulla corteccia del substrato nella pentola, rimuovere immediatamente i pezzi di corteccia e sostituirli con quelli freschi..

Dopo l'acquisto, la phalaenopsis non viene trapiantata, la cura a casa è quella di selezionare un luogo luminoso. Le macchie bianche sulle foglie indicano scottature solari.

Consiglio per principianti: acquista cymbidium. Apprezzerà l'aspetto e la facilità di gestione..

La phalaenopsis è un'altra varietà popolare a fioritura lunga che può essere presentata a un'orchidea in erba.

Foglie gialle

Per i principianti, la coltivazione di orchidee, le foglie ingiallite: una delle principali difficoltà nella cura della pianta dopo l'acquisto. A casa, le foglie gialle negli ibridi possono indicare il loro naturale invecchiamento.

L'irrigazione eccessiva o insufficiente può anche essere giudicata dall'aspetto delle foglie. Per valutare correttamente l'umidità del suolo, metti un amico verde in una pentola trasparente. L'irrigazione eccessiva è più comune..

Una porzione giallo-bianca della foglia si forma nel sito di una scottatura solare nelle calde giornate estive.

Illuminazione

Viste decorative come una buona illuminazione, ma evitano la luce solare diretta. Il sole cocente dell'estate può provocare ustioni di foglie e fiori delicati. Una residenza ideale è un davanzale ben illuminato, oscurato in estate..

Paphiopedilum: un fiore assolutamente controindicato nella finestra meridionale, preferisce l'ombra parziale, ma in inverno non necessita di ombreggiature aggiuntive.

Dendrobium: ama la luce solare diffusa più di altri parenti.

Le ore di luce diurna per il dendrobium normalmente vanno dalle 12 alle 15 ore. È possibile determinare il deficit di luce solare dall'aspetto della pianta. La mancanza di luce porta all'oscuramento e all'ammorbidimento della lastra.

Fertilizzante e fertilizzante

Prima di elaborare l'orchidea dopo l'acquisto, metterla in quarantena. La frequenza di alimentazione dipenderà dalla varietà, ma in media le Orchidaceae dovrebbero essere nutrite 1-2 volte al mese.

Temperatura

Le piante tropicali che amano il calore non tollerano improvvisi sbalzi di temperatura. Il raffreddamento ad aria al di sotto di 12 ° C è altamente indesiderabile. L'intervallo di temperatura ottimale va da 20 a 25 ° C. Le oscillazioni di temperatura giornaliere di alcuni gradi contribuiscono alla crescita dei peduncoli.

Alle orchidee non piacciono i getti d'aria fredda. Fai attenzione includendo l'aria condizionata estiva vicino a loro. Particolarmente sensibile al surriscaldamento e alle correnti d'aria cymbidium.

Watering

La phalaenopsis ama l'umidità, ma non l'umidità. Fare il bagno nella pianta non dovrebbe essere sufficiente di tanto in tanto per pulire le foglie con un panno pulito e umido.

L'acqua dura proveniente da un sistema di approvvigionamento idrico centralizzato non è adatta per l'irrigazione della phalaenopsis. Nel peggiore dei casi, l'acqua è sostenuta. Ideale - acqua calda distillata.

Riempi il fiore con acqua e lascialo per 5 minuti, quindi scola l'acqua dalla padella.

L'irrigazione del paphiopedilum dipende direttamente dall'umidità nella stanza. Più bassa è l'umidità, più spesso dovrebbe verificarsi l'irrigazione..

Una scarpa è l'ibrido senza pretese. Il regime di irrigazione è determinato dalla velocità di essiccazione del substrato.

Il Dendrobium viene annaffiato una volta alla settimana, come il cymbidium, immerso per 10 minuti, seguito dal drenaggio dell'acqua dalla padella.

Cattleya - ama l'umidità elevata.

Fare attenzione a non lasciare acqua sul fondo del contenitore esterno.

Prendersi cura di piante esotiche richiede accuratezza, cura e rigorosa aderenza a tutte le condizioni necessarie. Ma gli sforzi valgono il risultato: le bellezze in fiore danno allegria nell'inverno grigio, danno un senso di conforto anche all'ufficio più sterile e noioso.

Hai un miracolo a casa o al lavoro??

Paroliere: Sofia Andreeva

Trapianto di orchidea phalaenopsis a casa: istruzioni dettagliate

Phalaenopsis è un'orchidea di farfalla che ha conquistato l'amore dei russi e un posto in quasi tutti gli appartamenti. Un ospite tropicale è senza pretese se le fornisci le condizioni di vita necessarie. Come altre piante da interno, deve essere trapiantato di volta in volta..

La phalaenopsis dell'orchidea nella sua biologia è un'epifita. In natura, cresce sui tronchi degli alberi tropicali, raccogliendo umidità usando radici aeree. Le radici contengono clorofilla; la fotosintesi ha luogo in esse. Questo tipo di orchidea non è piantato nel terreno, ma in uno speciale substrato che consente alle radici di respirare e vasi traslucidi.

Come determinare se un fiore ha bisogno di un trapianto?

Al momento dell'acquisto di un'orchidea, i proprietari si pongono domande su come trapiantare correttamente un fiore. Devo trapiantare immediatamente o aspettare fino alla fine della fioritura? Come scegliere un vaso e un substrato per una pianta?

Elenchiamo i segni con cui si può determinare che la Phalaenopsis necessita di un trapianto.

  • Sulle pareti del vaso sono visibili accumuli di alghe e muschio. Ciò significa che il substrato è incrostato e scarsamente ventilato. Le radici dell'orchidea possono marcire a causa dell'umidità in eccesso. Lo scopo del trapianto è quello di fornire alla pianta un substrato fresco e di qualità..
  • Le radici riempivano l'intero volume del contenitore e erano strettamente intrecciate. Ciò è chiaramente visibile attraverso le pareti trasparenti del vaso. In questo caso, lo scopo del trapianto è quello di cambiare la capacità in modo più voluminoso e conveniente per la pianta.
  • Danno alle radici. Le radici sane della Phalaenopsis sono di colore verdastro con una fioritura argentea. Se attraverso le pareti del contenitore sono visibili radici annerite, ammuffite o secche, la pianta deve essere trapiantata.
  • Parassiti visti nel piatto - un motivo per cambiare il substrato.
  • Le foglie della pianta sono lente e non ripristinano il turgore dopo l'irrigazione. È necessario rimuovere l'orchidea dal vaso e considerare le radici.
  • La pianta si muove liberamente nel vaso - un segno di morte delle radici. Questo è un segnale per un trapianto di emergenza!

Quando trapiantare a casa?

Orchidea Aalenopsis non ha un periodo dormiente distinto. Foglie e radici si formano tutto l'anno, con piccole interruzioni. La fioritura dura anche diversi mesi. I migliori momenti per il trapianto di Aalenopsis:

  • La primavera è un momento di risveglio e crescita attiva. Per le piante da interno, la primavera inizia già a febbraio e termina con l'inizio del calore sul davanzale della finestra.
  • Il momento migliore per un trapianto potrebbe essere il periodo successivo allo spegnimento del riscaldamento centrale. Le piante riposano dall'aria calda e secca, iniziano a crescere vigorosamente.
  • Riposo dopo la fioritura. È altamente indesiderabile trapiantare una Phalaenopsis in fiore. È meglio aspettare fino a quando i fiori cadono e il peduncolo può essere tagliato.

Trapianto di orchidea Phalaenopsis dopo l'acquisto

Quindi hai comprato la Phalaenopsis. Prova a determinare se una pianta ha bisogno di un trapianto.

  • Ispeziona il vaso. Vasi e contenitori danneggiati che non consentono il passaggio della luce devono essere sostituiti..
  • Considera le radici della pianta. Normalmente sono verdastri, argentei allo stato secco. Dovresti essere avvisato dall'assenza di radici visibili, nonché da segni di putrefazione, muffa, secchezza del sistema radicale. In questi casi, la Phalaenopsis viene trapiantata immediatamente..
  • Valutare le condizioni del substrato. Nei negozi, le orchidee vengono vendute in substrati tutt'altro che ideali: contengono additivi di torba, fibre di cocco e persino gommapiuma. Tutte queste inclusioni accumulano acqua e le radici soffrono di ristagno d'acqua. Il contenuto della pentola dovrebbe essere leggermente umido, ma non bagnato! Odore di muffa e marciume inaccettabile.
  • A volte le radici della pianta sono poco visibili. Ricorda attentamente i piatti di plastica dai lati e tira su la pianta per vedere l'apparato radicale.

Pertanto, l'orchidea viene trapiantata dal negozio, se necessario. Se le radici sembrano sane e la pianta non è depressa, attendi che fiorisca e si acclimati in casa..

È possibile trapiantare un'orchidea in fiore?

Cosa devo fare se devo trapiantare la Phalaenopsis con fiori per motivi di salute? Questa operazione è un grave stress per l'impianto..

Un'orchidea in fiore sopravvive normalmente a un trapianto senza distruggere un coma se le radici si ammucchiano in una pentola.

Ma molto spesso, il trapianto è accompagnato dal taglio di parti morte e dalla sostituzione del substrato. La rimozione di una parte significativa delle radici influirà negativamente sulla fioritura. Per non indebolire la tua Phalaenopsis, taglia il peduncolo su un rene addormentato o taglialo completamente. Lascia che l'orchidea fiorisca con rinnovato vigore la prossima volta.

Quanto spesso trapiantare?

I fioristi concordano sul fatto che la Phalaenopsis dovrebbe essere trapiantata almeno ogni 2-3 anni. Durante questo periodo, si verifica quanto segue:

  • Il substrato si decompone parzialmente, perde la sua traspirabilità, si ricopre di muschio ed è saturo di sali.
  • La parte centrale dell'apparato radicale muore per ristagno d'acqua, scarsa aerazione, eccesso di sali. Le radici intrecciano le pareti della pentola, spuntano dai fori di drenaggio.
  • Lo stelo cresce dall'alto, è esposto, spesso pende lateralmente dal vaso - questa è una caratteristica biologica della crescita. La massa verde supera, il piatto può ribaltarsi.
  • Le radici giovani che crescono dallo stelo soffrono di secchezza, soprattutto in inverno.

Tutti questi segni indicano che è giunto il momento del trapianto. Prepara una pentola per orchidee. La phalaenopsis è sepolta in essa al livello delle foglie inferiori. La parte del gambo che si è estinta dal basso può essere rotta.

In quale vaso da trapiantare?

La scelta di un vaso per orchidee Phalaenopsis è un'attività responsabile. La pentola corretta dovrebbe tenere conto delle esigenze del sistema radicale dell'orchidea: l'accesso della luce e dell'aria alle radici.

Tipi di pentole

Le migliori pentole sono di plastica trasparente, come quelle in cui l'orchidea viene venduta nel negozio. Possono essere opachi o colorati, di varie dimensioni. Vantaggi di tali vasi: le radici sono ben illuminate, non crescono fino alle pareti del serbatoio, sono facili da controllare.

Anche i vasi e i vasi colorati traslucidi sono una buona opzione. Sono anche preferibili se il sole a volte fa capolino sul tuo davanzale. Scegli la plastica in tonalità chiare, preferibilmente bianco.

Un cache-pot sotto forma di reti o bacchette non è adatto alle condizioni della stanza! Il substrato in essi si asciugherà inevitabilmente. Possono "lavorare" solo in una serra con elevata umidità. Oppure, come opzione, tali vasi possono essere utilizzati per scopi decorativi come nella foto qui sotto.

Caratteristiche di scelta

  • La pentola deve avere un numero sufficiente di fori di drenaggio. L'acqua di irrigazione scorre attraverso di loro e le radici sono ventilate. Se questi fori non sono sufficienti, praticare i muri in più punti o tagliare delicatamente le fessure sul fondo fino a un terzo dell'altezza della pentola.
  • Per il trasbordo di orchidee, selezioniamo un vaso con un diametro di 1-2 centimetri più grande di quello precedente. Uno strato di drenaggio spesso 3-5 cm dovrebbe adattarsi sul fondo.
  • Non dovrebbero essere scelti grandi contenitori per il trapianto: dopo aver elaborato le radici, la tua pianta potrebbe aver bisogno di un vaso della stessa dimensione o anche di dimensioni inferiori. Un grande volume del substrato si asciuga a lungo e viene lentamente assorbito dalle radici..

In quale terreno trapiantare?

Ogni coltivatore principiante pone la domanda: in quale terreno dovrei piantare la Phalaenopsis?

Il substrato per Phalaenopsis può essere acquistato presso il negozio. Il componente principale dei substrati acquistati è la corteccia di pino..

Altri componenti possono essere aggiunti ad esso: muschio di sfagno, carbone, radici di felce.

La cosa principale su cui dovresti concentrarti quando scegli un terreno è la sua friabilità e buona ventilazione. I componenti dovrebbero essere grossolani e non a torta. Il terreno a grana fine non è adatto per le orchidee del genere Phalaenopsis. Meglio comprare corteccia di pino puro.

Un'altra opzione è preparare da soli il terreno. Per questo:

  • Raccogli la corteccia di pino dagli alberi caduti (non toccare i pini vivi!)
  • Risciacquare bene la corteccia in acqua.
  • Usando una cesoia, tritare con pezzi di dimensioni 1,5 - 3 cm.
  • Fai bollire la corteccia per alcuni minuti per rimuovere residui di catrame, parassiti e funghi patogeni.
  • Dopo l'ebollizione, sciacquare di nuovo la corteccia con acqua bollente o far bollire di nuovo.
  • Posizionare su vassoi di asciugatura.

Istruzioni per il trapianto: passo dopo passo con foto

Preparare materiali e strumenti. Avrai bisogno:

  • Vaso per orchidee.
  • Bacino adatto.
  • Substrato di corteccia di pino.
  • Drenaggio: argilla espansa, frammenti di ceramica, pezzi di mattoni rossi.
  • Cesoie disinfettate con alcool o forbici affilate.
  • Antisettico - polvere di carbone tritato, si può prendere attivato.
  • Sfagno di muschio (se non lo trovi, puoi farne a meno)
  • Stick per spingere il substrato tra le radici
  • Supporto per peduncolo
  • Il farmaco Fitosporin per la prevenzione del marciume.
  • In caso di necessità - insetticidi (in condizioni di camera il Fitoverm di medicina è permesso)

Preparare una soluzione di Fitosporin per immergere l'orchidea. Diluire 1/5 cucchiaino di farmaco in una piccola quantità di acqua calda, quindi diluire a due litri. Puoi aggiungere una goccia di Epin, che stimola il sistema immunitario, alla soluzione..

Estrarre delicatamente la pianta dal contenitore dalla base dello stelo. Se le radici intrecciano fortemente la pentola, è meglio tagliarla con le forbici.

Spazzola via il vecchio substrato dalle radici. Se viene rimosso male, sciacqualo dalle radici sotto un getto di acqua calda.

Mescola un buon substrato dal vecchio vaso con quello nuovo: contiene la solita microflora per la pianta. Se si notano parassiti, il terreno deve essere lavato in una soluzione insetticida..

Ispeziona attentamente radici, foglie e stelo. Rimuovi tutte le radici annerite, marce e rugose in una parte verde sana.

Rimuovi le foglie malate e sbiadite. Per fare ciò, tagliare la foglia lungo la vena centrale e rimuovere le metà dallo stelo. Taglia foglie e peduncoli essiccati.

Immergere le radici di Phalaenopsis nella soluzione di Fitosporina preparata per 30-40 minuti.

Asciugare leggermente la pianta e cospargere tutte le sezioni con polvere di carbone.

Sul fondo della pentola, stendi uno strato di drenaggio di 3-5 centimetri. Protegge le radici dall'umidità e impedisce al vaso di ribaltarsi, rendendo il fondo più pesante.

Cospargere un piccolo strato di substrato. Installa la pianta posizionando lo stelo al centro del vaso. Posizionare un supporto per peduncoli nelle vicinanze.

Riempi gradualmente il vaso con un substrato. Appoggia grandi pezzi di corteccia verso il basso, sopra - quelli più piccoli. Spingi delicatamente la corteccia tra le radici, riempiendo gli spazi vuoti. Non schiacciare il terreno, potresti danneggiare le radici!

Quando la pentola è piena di corteccia, stendi sopra uno strato di muschio di sfagno bagnato. Il muschio protegge la corteccia e le radici giovani dall'essiccarsi rapidamente.

Come far sedere i bambini?

A volte sull'orchidea Phalaenopsis, i bambini si formano sul tronco o sui peduncoli. Possono essere separati quando le radici del bambino raggiungono una lunghezza di 5 centimetri.

  1. Preparare una piccola pentola di plastica o una tazza con fori, corteccia fine da 1 cm, sfagno, carbone vegetale, forbici sterilizzate. Un po 'di argilla espansa viene posizionata sul fondo per la stabilità.
  2. Tagliare con cura il bambino all'incrocio con la pianta madre. Se il peduncolo è bambino, tagliare il bambino con un piccolo frammento del peduncolo.
  3. Asciugare le fette per mezz'ora e cospargere con polvere di carbone.
  4. Metti il ​​bambino al centro del vaso. Spargi delicatamente le radici. Tenendo il collo della radice, cospargere la corteccia senza schiacciare.
  5. Tocca le pareti del vaso per sistemarti.
  6. Coprire il substrato con uno strato di sfagno bagnato.
  7. Il secondo o il terzo giorno, puoi innaffiare il bambino.

Puoi vedere il processo in modo più dettagliato nel video qui sotto:

Cura dei trapianti

Dopo il trapianto, posizionare l'orchidea in un luogo non caldo, protetto da correnti d'aria e luce solare. La temperatura è desiderabile intorno ai 20-22 gradi. Non disturbare la pianta e spostare inutilmente il vaso. L'orchidea dovrebbe rimanere nell'area ombreggiata per circa 10 giorni.

Poiché la Phalaenopsis è piantata nella corteccia umida, non ha bisogno di annaffiare per i primi 3-4 giorni. Puoi spruzzare il muschio, ma assicurati che non si accumuli acqua negli ascili delle foglie.

Maggiori informazioni sono disponibili nel video qui sotto:

Come innaffiare dopo il trapianto?

La phalaenopsis viene annaffiata non prima di 3-4 giorni dopo il trapianto, possibilmente successivamente, a seconda della temperatura e dell'umidità nella stanza.

Fino a quando la pianta non avrà messo radici, sarà meno traumatico versarlo con acqua calda dalla doccia..

Assicurati di asciugare l'uscita e le foglie dopo l'irrigazione. La phalaenopsis dopo il trapianto è meglio accorciare che trasfondere!

Dopo 2-3 settimane, puoi tornare all'irrigazione immergendoti. Immergi delicatamente la pentola con la pianta in acqua calda per non più di 5 minuti. Tieni la corteccia in modo che non si sollevi. Tira fuori la pentola e lascia andare l'acqua completamente. Successivamente, puoi riportare il piatto al suo posto.

Possibili errori

Errori comuni commessi durante il trapianto di Phalaenopsis:

  • Selezione errata del suolo.
  • Il vaso non fornisce aerazione e illuminazione radicale.
  • Dimensione del vaso errata.
  • Trasferisci in una nuova pentola senza ispezione del coma radice.
  • Cauterizzazione delle radici con verde brillante, iodio e altre sostanze.
  • Irrigazione mediante immersione immediatamente dopo il trapianto o irrigazione eccessiva di una pianta non radicata.

Quindi, l'orchidea Phalaenopsis necessita di un trapianto pianificato ogni 2-3 anni o secondo indicazioni "mediche". Non aver paura di trapiantare la tua pianta. Dopo un po ', capirai i suoi bisogni e le sue esigenze, acquisirai preziosa esperienza e la tua adorata orchidea ti delizierà per molti anni.

Video utile

Scopri di più sul trapianto di Phalaenopsis dal video qui sotto:

Orchidee: cura dopo l'acquisto

Orchidea è una pianta d'appartamento popolare con fiori stravaganti. Decorerà qualsiasi interno e piacerà con una lunga fioritura. Scopri quali cure sono necessarie per un'orchidea in modo che metta radici nell'appartamento.

Foto: così semplice

Come prendersi cura delle orchidee dopo lo shopping

Esistono molte varietà di orchidee. Nei negozi di fiori ci sono phalaenopsis, oncidium, dendrobium, papiopedilum.

Le piante con foglie oblunghe e una freccia ramificata ricoperta di fiori sono presentate per le vacanze o acquistate per integrare la collezione..

E poi un fiore insolito entra nella casa. Come prendersi cura di un'orchidea? Come creare condizioni favorevoli?

Ascolta suggerimenti utili:

  1. Considera che in natura, le orchidee crescono nella parte sud-orientale del mondo, preferiscono luoghi umidi e ombrosi.
  2. Tieni il fiore appena arrivato lontano dalla luce solare che brucia. Un comò o un tavolo in una stanza fresca è adatto per la pianta.
  3. Lascia che l'orchidea rimanga per 2-3 settimane lontano da altri fiori. Quindi lo proteggi da possibili malattie e parassiti e faciliti l'adattamento.
  4. Due settimane non fertilizzano e non annaffiano la pianta se le foglie non si sbiadiscono e non ingialliscono.
  5. Se hai intenzione di sistemare l'orchidea sul davanzale della finestra, quindi dopo tre settimane, mettila in un nuovo posto. La cosa principale è che non dovrebbe esserci un sole costante. Finestre più adatte a ovest o nord.
  6. Inizia a innaffiare un po 'sul substrato. Dopo 10-15 minuti, versare l'acqua rimanente dalla padella.

La prima volta dopo l'acquisto, la cura delle orchidee è osservare come il fiore si abitua in un nuovo posto.

Organizza l'accesso alla luce della pianta (ma non il sole aggressivo) e goditi la delicata fioritura colorata.

Come trapiantare un'orchidea

Il terreno per un'orchidea è la corteccia degli alberi. Se un fiore è stato portato dal negozio proprio in un tale riempitivo, non è necessario trapiantare la pianta.

In questi casi sarà richiesta la sostituzione del substrato:

  • la pentola è piena di sfagno di muschio;
  • la pianta è grande, le radici cadono;
  • radici marciscono.

Non sei sicuro di come trapiantare l'orchidea da solo? L'algoritmo delle azioni è semplice:

  1. Attendi che la pianta smetta di fiorire.
  2. Acquista un vaso trasparente e corteccia di pino o corteccia di pino orchidea da un negozio specializzato.
  3. Riempi il fiore con acqua, quindi rimuovi con cura dal vecchio bicchiere.
  4. Se trovi muschio tra le radici, rimuovilo. Rimuovi i germogli secchi, gialli e marci. Trattare le fette con polvere di carbone attivo.
  5. Inserisci la pianta in un nuovo vaso e coprila con il substrato. Tamp il riempimento per mantenere saldamente il fiore nel vaso.

Il trapianto è un ulteriore stress per la pianta, ma in alcuni casi è meglio sostituire la corteccia, altrimenti la pianta potrebbe morire. L'orchidea attecchirà nel nuovo terreno e alla fine metterà radici giovani.

Come innaffiare un'orchidea

Come innaffiare un'orchidea in modo che non si asciughi e non marcisca? Le sottigliezze delle procedure idriche sono:

  1. Innaffia il fiore con acqua stabilizzata. Per questo, bollito e funzionante o fondere, è adatta l'acqua piovana a temperatura ambiente.
  2. Non riempire la pianta e non lasciare acida per più di 20 minuti.
  3. La phalaenopsis dell'orchidea e il paphiopedilum necessitano di una costante idratazione della corteccia e il dendrobium e l'oncidio richiedono acqua dopo che lo strato superiore del substrato si è completamente asciugato.
  4. Versa l'acqua nel terreno. Il liquido permea la corteccia e scorre nella padella da aperture speciali. Scolare la padella dopo 15 minuti.
  5. Una pianta che si è adattata in casa può fare la doccia. "Rain" inumidirà perfettamente il terreno e pulirà le foglie di polvere.
  6. Quando l'acqua scorre attraverso i fori, metti la pentola nella padella nel suo solito posto.
  7. In estate, innaffia l'orchidea fino a tre volte a settimana e in inverno - non più di due. Durante la fioritura, la pianta beve di più e durante la dormienza - meno.
  8. Se le foglie ingialliscono e le radici marciscono - questo è un eccesso di umidità. Foglie sbiadite e radici avvizzite indicano siccità.

La cura delle orchidee è relativamente semplice.

Non ignorare le preferenze di base del fiore in una minima esposizione al sole, un substrato speciale e un'irrigazione moderata.

Foglie verdi e bellissimi fiori sono la prova della cura adeguata..

Regole per la cura della phalaenopsis, deve essere trapiantato dopo l'acquisto? Recensione + video

L'orchidea ai nostri tempi è diventata una pianta molto conveniente, viene presentata in sostituzione di un bouquet, acquistata solo per decorare lo spazio. Sebbene questa pianta sia popolare, a causa della sua natura esotica, molti non rischiano di coltivarla in casa. In effetti, il fiore esternamente tenero è molto senza pretese ed è molto semplice prendersi cura della phalaenopsis.

Varietà di orchidee

Le varietà di orchidee Phalaenopsis differiscono l'una dall'altra per colore, forma delle foglie e dimensioni del fiore stesso. Questa varietà cresce su un gambo corto con una rosetta a 5 foglie. Quasi tutte le 100 varietà di phalaenopsis sono ibride.

La phalaenopsis piacevole è una varietà comune, le sue foglie carnose sono di forma ovale e con un'estremità appuntita. Sull'infiorescenza emessa, puoi contare circa 30 gemme che si aprono a turno.

Interessante! Se ti prendi cura di questa cultivar di phalaenopsis e tagli i fiori appassiti nel tempo, l'intero periodo di fioritura può durare un anno intero.

Parisha è una Phalaenopsis in miniatura con un peduncolo, su cui ci sono circa 10 fiori bianchi con un dolce profumo fruttato.

La phalaenopsis geroglifica è un grande fiore, in cui la rosetta è composta da foglie ovali e molti fiori a forma di stella. La fioritura è dipinta nei colori bianco e crema con bordi verdastri..

La Horse Phalaenopsis è una varietà con fiori viola brillanti, hanno una dimensione di soli 2-3 cm. Quando la pianta fiorisce, il suo peduncolo si allunga e quelli nuovi crescono al posto di gemme appassite, quindi la varietà continua a fiorire per diversi mesi.

Cura della casa

È necessario circondare la Phalaenopsis immediatamente dopo l'acquisto. Cambiare un posto permanente per una pianta può essere molto stressante. Non toccare il fiore per 2-3 settimane solo se ha radici forti e un peduncolo sano è disseminato di molti fiori. Per tutto questo tempo non ha bisogno di essere concimato, trapiantato o abbeverato abbondantemente. È possibile posizionare il vaso lontano da altre piante, soprattutto se esiste il rischio di infezione.

La phalaenopsis deve essere esaminata di volta in volta per identificare la malattia nelle prime fasi..

Quando trapiantare la Phalaenopsis?

Dopo che il fiore è stato acquistato, devi guardare le condizioni del terreno, se è costituito da pezzi di corteccia e le radici sono di colore grigio-verde, non è necessario trapiantarlo nel prossimo futuro. Succede che i produttori mettano muschio compresso, torba o gommapiuma sul fondo di una pentola temporanea, questo può causare marciume radicale, quindi quando la phalaenopsis si adatta a nuove condizioni, può essere trapiantata.

Una pianta sana ha bisogno di un trapianto non più di una volta ogni 3 anni, è necessario prestare attenzione alle condizioni del terreno, se le sue particelle si trasformano in polvere, è necessaria la sostituzione.

A causa delle cattive condizioni della pianta, a volte ha bisogno di un trapianto non pianificato. Urgentemente, questo può essere fatto anche durante la fioritura, se sulle radici sono visibili macchie scure o se le foglie iniziano a sbiadire..

Il trapianto di phalaenopsis avviene secondo questo schema:

  • la pianta viene estratta dal vaso e le radici vengono lavate sotto la pressione calda e debole dell'acqua;
  • se le particelle di terreno sono attaccate alle radici, possono essere immerse per un breve periodo in un contenitore d'acqua, quindi pulire le radici e asciugarle;
  • rizomi molto lunghi e particelle marce devono essere rimossi mentre le sezioni sono cosparse di carbone o carbone attivo;
  • se ci sono sezioni, la pianta può essere lasciata per 24 ore in un contenitore asciutto per una guarigione più rapida;
  • al mattino puoi iniziare a piantare in un nuovo vaso con terreno speciale per epifite;
  • le particelle di terreno più grandi vengono deposte sul fondo e dopo che le radici vengono posizionate nel vaso, i vuoti vengono riempiti in piccole parti;
  • riempiendo le radici di terra, è necessario lasciare 3 cm di spazio libero per le radici aeree e il rinnovamento del suolo;
  • se la Phalaenopsis è una grande varietà, dovrebbe essere attaccata al supporto in modo che non vacilli.

Con gravi danni al sistema radicale, deve essere aiutato a recuperare, per questo il vaso può essere avvolto con un film per 2 settimane, in modo che si formino le condizioni all'interno della serra. Le radici devono essere periodicamente ventilate e il peduncolo prima di questa procedura è meglio tagliare e mettere in acqua.

La phalaenopsis può essere trapiantata in anticipo se è affollata nella vecchia pentola, questo è evidente dalle radici attaccanti, che possono spostare il substrato. Il vaso in questo caso viene selezionato in modo che si adatti al terreno, alle radici e al supporto, se necessario. Se possibile, puoi aspettare fino alla fine della fioritura e solo allora trapiantare il fiore interno.

Attenzione! Nel caso in cui la pianta abbia un bell'aspetto esternamente, le radici sono di colore verde chiaro, è meglio aderire al programma dei trapianti. Se vuoi solo cambiare il piatto, dovresti aspettare fino all'inizio del periodo di riposo della phalaenopsis.

Selezione del suolo

Il substrato di impianto deve avere una buona permeabilità all'acqua e all'aria.

Nei negozi di fiori, è sufficiente acquistare un terreno pronto per le orchidee, ma a volte potrebbe non essere adatto a causa di determinate condizioni:

  • se la stanza ha un'umidità elevata e acqua dolce per l'irrigazione, puoi prendere la corteccia di pino essiccata come terreno;
  • in presenza di aria secca, specialmente durante la stagione di riscaldamento, il terreno deve contenere parti di muschio o fibra di cocco;
  • il carbone nel substrato contribuirà a ridurre la durezza dell'acqua per l'irrigazione.

Phalaenopsis d'innaffiatura

La particolarità delle piante epifite è che non possono ricevere l'alimentazione principale dall'acqua, hanno bisogno di aria per mantenere l'attività vitale.

Idratare il terreno della pianta dovrebbe essere abbastanza moderato in modo che l'acqua non ristagni e le radici possano respirare e assorbire l'umidità dalle particelle del substrato.

Le orchidee Phalaenopsis vengono annaffiate in diversi modi:

  1. Il metodo torrenziale è più spesso utilizzato dopo il trapianto. In questo caso, l'acqua viene scaricata fino al bordo della pentola e scorre attraverso i fori di drenaggio nella pentola, durante i quali la corteccia assorbe la giusta quantità di umidità.
  2. L'opzione con immersione completa è adatta per le piante che si trovano nel terreno che assorbono bene l'umidità. La pentola in questo caso viene immersa in acqua per 10 minuti e il substrato viene riempito di umidità al livello desiderato.
  3. Se il sistema radicale della phalaenopsis è danneggiato, un'immersione parziale, che dura 6-10 ore, è adatta per la pianta. La pentola viene abbassata in una padella con acqua e le radici attireranno umidità da lì, nel qual caso il terreno viene inumidito, ma molto meno.
  4. La pioggia per l'orchidea Phalaenopsis può essere organizzata di volta in volta. L'acqua dovrebbe essere entro 40 gradi. Quando si innaffia una pianta, è necessario ricordare che dovrebbe asciugarsi in una stanza calda e non su un davanzale freddo. Dopo tale irrigazione, è necessario bagnare l'acqua nelle ascelle delle foglie in modo da non provocare un'infezione batterica del collo del fiore.

Importante! La frequenza dell'irrigazione è regolata in base alle condizioni nella stanza. Il colore argento delle radici suggerisce che hanno bisogno di umidità. Si consiglia ai fioristi di aspettare un paio di giorni con l'aspetto di questo colore, in modo che il vaso sia completamente asciutto.

Temperatura e illuminazione

Per prendersi cura della phalaenopsis, è necessario prendersi cura della quantità di luce e della giusta temperatura. Soprattutto, il fiore si sentirà sulla finestra da qualsiasi lato della stanza, tranne il sud. Se non c'è altra scelta, è meglio mettere una pentola con un'orchidea non sul davanzale stesso, ma vicino alla finestra, all'ombra del sole diretto. Di tanto in tanto, un vaso di fiori deve essere girato in diverse direzioni verso la luce. Per alcune varietà, l'illuminazione aggiuntiva è importante, soprattutto se non c'è il sole sulla strada, così come in inverno.

Quando si installa ulteriore luce, è meglio dare la preferenza alle lampade fluorescenti con una potenza di 60 W e installarle a una distanza di 30 cm dal fiore.

Di notte, la phalaenopsis sarà confortevole a una temperatura di 15-20 ° C e durante il giorno gli indicatori possono salire a +24 ° C. Il fiore si sente bene con lievi fluttuazioni, ma entro limiti normali.

L'umidità dovrebbe essere mantenuta nella regione del 60-80%. L'aria secca può provocare la caduta di fiori in anticipo e un'elevata umidità - la comparsa di marciume o macchie sulle radici e sulle foglie.

Attenzione! La stanza in cui cresce l'orchidea dovrebbe essere ben ventilata, anche nella stagione fredda. Durante la messa in onda invernale, se la pentola con un'orchidea è sul davanzale della finestra, è meglio rimuoverla da lì in modo che non rimanga nella bozza. Evitare che le foglie entrino in contatto con i vetri delle finestre fredde; il congelamento può danneggiare il fiore.

Fertilizzante per Phalaenopsis

Questo articolo in cura è importante quanto tutti gli altri. Poiché il cibo principale viene fornito alla pianta attraverso le radici, il fertilizzante deve essere applicato in forma liquida. Il complesso Kemira-Lux si è mostrato bene, ma con un dosaggio ridotto 2 volte. Se la phalaenopsis ha un piccolo numero di foglie, ha bisogno di azoto, con il quale è importante non esagerare. La predominanza dei fertilizzanti azotati può innescare l'accumulo di una grande quantità di verde e l'assenza di fioritura. Se Phalaenopsis ha 4-6 foglie in una rosetta, non ha bisogno di azoto, ma ha bisogno di fosforo e potassio per una migliore fioritura.

Importante! Mentre il fiore è nel negozio, il fertilizzante granulare viene spesso aggiunto al terreno, che dura a lungo. Dopo l'acquisto, prima di concimare l'orchidea, è necessario assicurarsi che i granuli si siano dissolti e da questo momento sono trascorsi diversi mesi.

La phalaenopsis in fiore non ha bisogno di essere concimata. La medicazione superiore viene eseguita tre volte in inverno e in estate - due volte al mese.

Allevamento

L'orchidea può essere piantata con germogli, la cui formazione è facilitata da sbalzi di temperatura e cure adeguate. I bambini della phalaenopsis si formano alla base dell'uscita e sui peduncoli. Dopo che sono apparsi, è necessario attendere fino alla formazione della radice e almeno una foglia.

Se l'orchidea è abbastanza matura e ha una grande rosetta, può essere propagata per divisione. In questo caso, con l'aiuto di un coltello affilato, la parte superiore viene tagliata con un paio di foglie. Una fetta deve essere trattata con la cenere e solo allora piantata in un vaso separato per un'orchidea. Dopo 2-3 anni, la phalaenopsis può fiorire.

Potatura delle orchidee

Dopo la fioritura, la phalaenopsis ha bisogno di riposo. Durante questo periodo, è meglio mettere la pentola in una stanza più fredda e ridurre l'irrigazione e non dovresti trapiantarla. Durante il periodo dormiente, le foglie a volte si seccano e ingialliscono, il che è un processo naturale. Se il peduncolo è asciutto, è meglio potare.

I peduncoli di alcune varietà di phalaenopsis rimangono freschi durante la dormienza e ci sono due opzioni per prendersene cura:

  1. Non puoi toccarlo, dopo un po 'si formano dei germogli;
  2. Il peduncolo può essere tagliato al primo germoglio, che presto crescerà.

Un periodo di riposo è molto importante per le orchidee, in questo momento acquistano forza per un nuovo periodo di fioritura, che inizia entro i prossimi 3-4 mesi.

L'orchidea non è necessaria per la potatura standard, come per altre piante; cresce lentamente, facendo crescere quattro nuove foglie. Se la foglia inizia a morire non viene tagliata, la pianta ne prende il cibo fino a quando non cade da sola.

Tagliare le foglie è necessario se è rotto o malato.

Attenzione! Se il peduncolo non è asciutto, non è necessario tagliarlo completamente, i germogli su di esso possono crescere e formare nuovi peduncoli, mentre la pianta fiorirà molto prima.

Parassiti e malattie della phalaenopsis

L'orchidea non si ammala così spesso, ma c'è ancora il rischio di infezione se mantenuta in modo improprio.

Se la temperatura è troppo alta o bassa, così come con molta umidità, le radici possono avere marciume grigio e nero.

Puoi capirlo con questi segni:

  • crescita lenta delle orchidee;
  • radici morbide e presenza di liquido in esse, se premuto;
  • le foglie iniziano a diventare marroni.

Se l'orchidea della phalaenopsis è infettata dal marciume grigio, sui suoi fiori possono essere visibili macchie bianche e soffici. Ciò accade in ambienti umidi ea basse temperature. È necessario tagliare le parti malate e trattarle con la cenere. Inoltre, è possibile applicare Topsin 2% e utilizzare con una pausa di 2 settimane.

Il marciume nero si manifesta come macchie sulle foglie della rosetta, e questa è un'occasione per isolare il fiore da altre piante. Il trattamento della putrefazione nera viene effettuato con Topsin o Fundazole.

Se la stanza è scarsamente ventilata o è molto umida, l'orchidea Phalaenopsis può ottenere antracnosi. Durante questa malattia, appaiono dei punti neri sui germogli. Il fiore interno può essere trattato con preparati a base di rame, le parti interessate vengono rimosse.

Per evitare che i parassiti si diffondano attraverso l'orchidea, è necessario ispezionare periodicamente il fiore.

Attenzione! Durante il trapianto, esiste il rischio di parassiti che possono essere nel nuovo terreno, per evitare ciò, deve essere scottato con acqua bollente.

Il fodero sull'orchidea può sembrare dei granelli, quindi subito non puoi capire cosa sia veramente. Puoi lavare via le foglie con acqua e uno spazzolino da denti. Se il danno appare sulle foglie, sono cosparsi di carbone o zolfo colloidale. Per proteggere altre piante, il fiore infetto deve essere spostato in un altro posto, trapiantato in un vaso e terra puliti.

Come prendersi cura di un'orchidea

Phalaenopsis in crescita, alcuni coltivatori possono commettere errori che portano alla morte della pianta.

Ci sono azioni che sono severamente vietate nel lasciare:

  • l'irrigazione notturna può provocare un'infezione fungina e ipotermia di un'orchidea;
  • l'acqua del rubinetto è troppo dura e può lasciare sedimenti sulle radici, è meglio usare un filtro o acqua stabilizzata;
  • È impossibile concimare con gli occhi, questo danneggerà il fiore, specialmente se la dose è superiore al necessario;
  • esemplari di phalaenopsis acquistati di recente non possono essere collocati nello stesso posto in cui crescono orchidee adattate; è importante mantenere una quarantena di due settimane;
  • tenere le orchidee alla luce diretta del sole provoca danni e perdita di foglie.

La phalaenopsis è la varietà di orchidea più senza pretese, inoltre è molto bella. La fioritura attira con la sua abbondanza e longitudine. La cura adeguata di una pianta d'appartamento può garantire il suo aspetto sano e la fioritura regolare per molti anni..

Vi Piace Su Cactus

Seaside Cineraria - una bella pianta d'argento, ottima per decorare aiuole, bordi, sentieri nel giardino, colline alpine e design del paesaggio. L'aspetto insolito della pianta, la sua senza pretese e il suo fascino severo rendono la cineraria sul mare amata da molti giardinieri e designer.

Dettagli del voto (fare clic sulle schede)

Descrizione Fotografie Recensioni Dove posso comprareKimono - le rose della varietà floribunda fioriscono in grandi e profumate nappe dai colori rosa salmone.